Bryant riporta Andrea Tosi al centro della Gazzetta. Con merito.

Andrea Tosi

Andrea Tosi

Il colpo a sorpresa (inatteso) della uscita del nuovo calendario a 17 squadre che spazzava via tutte le congetture e le critiche dei giorni precedenti (qualche quotidiano aveva anche vociferato di un doppio calendario che in realtà non è mai esistito…) ha dato ulteriori contenuti alla bella Presentazione del campionato che la Lega Basket ha tenuto anche quest’anno a Bologna e condotta brillantemente da Ugo Francica-Nava de LA7.
Una presentazione alla quale i club di Serie A hanno assicurato la consueta, grande partecipazione con dirigenti e allenatori in prima fila a discutere del nuovo campionato dopo la apertura del Presidente Valentino Renzi che ha abbandonato il fioretto per sguainare la sciabola nei confronti della FIP, confermando i venti di guerra già ufficializzati dalla Assemblea di Lega di una settimana prima.
Nel consueto chiacchiericcio dietro le quinte scatenatosi al termine della presentazione durante il buffet al Carlton di Bologna, se ne sono sentite tante: la più divertente è quella di un ex dirigente di lungo corso che annunciava un possibile commissariamento della Lega da parte del Coni. Dimenticando che la stessa Lega, essendo una associazione privata, non può essere sottoposta a provvedimenti di questo tipo, come invece può accadere alla FIP, alle prese ora con il problema arbitrale che ha messo in crisi il CIA.
Il ritorno di Bologna al centro della attenzione con la trattativa di Claudio Sabatini per portare in maglia Virtus Kobe Bryant ha intanto riportato finalmente (come da noi auspicato) in prima pagina sulla Gazzetta dello Sport la firma di Andrea Tosi che ha assicurato alla notizia-evento  dell'anno la consueta, grande attenzione e professionalità. Così, in maniera naturale e apparentemente indolore, si è attuato il ridimensionamento di Luca Chiabotti, di cui si era anche ventilata la sostituzione alla guida della rubrica basket, a seguito del clamoroso “buco” dell’ingaggio di Danilo Gallinari da parte di Milano. Una sostituzione che pare per ora accantonata. Mentre il suo vice Massimo Oriani si dedica con grande attenzione ai contenuti dei social network (Twitter è sempre più utilizzato come fonte dagli atleti). Ugualmente, sul mercato, la Gazzetta continua a “toppare”. Come dimostra l’edizione del 27 settembre dove viene annunciato l’accordo biennale del serbo Milenko Tepic con Vitoria in Spagna. Peccato che l’accordo sia con Siviglia. Il fatto è che entrambi i club spagnoli hanno come sponsor una banca: Siviglia è targata Cajasol Banca, mentre Vitoria è sponsorizzata Caja Laboral. E questo ha mandato in tilt la Gazzetta, che ha fatto confusione… Ma non è la prima volta.
C.B.
Andrea Tosi

I più letti