La Montepaschi questa sera a Lille

Luca Banchi

Luca Banchi

Gara in diretta su Msb. Ok i numeri offensivi di Brown, Janning e Kemp. 
Primo test internazionale contro Bcm Gravelines.
Tutto procede secondo copione ed è già una situazione positiva. 
Prima trasferta intemazionale dell'annata, destinazione Francia. La Montepaschi è Lille, dove questa sera (ore 20, Palais Saint Sauveur) affronta in amichevole il Bcm Gravelines: è il primo dei due test in appena 48 ore programmati dai Campioni d'Italia oltralpe (c'è la supervisione del brand Kipsta, neo sponsor tecnico dei biancoverdi e già presente sulle maglie del club transalpino), un'occasione utile a valutare la condizione di un gruppo che sta fornendo buone indicazioni nonostante sia ancora largamente incompleto nelle sue rotazioni. 
E l'appuntamento di stasera si potrà vedere in diretta in esclusiva cliccando semplicemente sul link http://menssanabasket.it/site/pages/Kipsta-live. aspx, oppure sul pulsante in alto nella home page di www.menssana-basket.it a partire dalle ore 20. 
Nonostante i nazionali (Hackett, Sanikidze, Kangur e Rasic) siano ancora impegnati nelle qualificazioni europee, coach Luca Banchi sta riuscendo a plasmare nel migliore dei modi la Mens Sana ed i progressi intravisti nelle primissime gare di pre-season rappresentano una buona base sulla quale continuare a costruire, in vista soprattutto del match di Supercoppa programmato a Rimini sabato 22 settembre, prima partita che conta della nuova stagione. 
Seppur fra prevedìbili alti e bassi, i numeri offensivi dì Brown, Janning e Kemp iniziano a dare credito alla scelta che ha caratterizzato il mercato senese nel reparto dei piccoli e degli esterni ma ciò che maggiormente gratifica l'ambiente Montepaschi è il quotidiano miglioramento nella fase difensiva: a testimonianza va il diverso approccio fra gara-1 (28 punti subiti nei primi 10') e gara-2 (11 concessi nello stesso periodo iniziale) contro il Galatasaray, basket d'agosto ovviamente ma pur sempre un segnale interessante sulla disponibilità della squadra ad aiutarsi, anche in un momento di condizione fisica non eccelsa visto il grande carico di lavoro imposto ai singoli giocatori negli ultimi venti giorni. 
Per i nuovi, il target è specchiarsi in giocatori come Marco Carraretto, non a caso da poco detentore della "fascia" dì capitano, o Tomas Ress, veri e propri esempi dì ciò che negli anni la Mens Sana ha rappresentato nel quotidiano vissuto in palestra, prima ancora che nel banco di prova agonistico della domenica o infrasettimanale. 
Tutto procede secondo copione, insomma, ed è già una situazione positiva per uno start-up come quello che il club tricolore sta vivendo dopo la conquista del suo settimo scudetto. 
L'avversario Gravelines, anzi bisognerebbe chiamarla Gravelines-Dunkerque, milita nella Pro-A francese ed è reduce da una stagione di alti e bassi. Aveva chiuso la regular season al primo posto ma le aspettative di successo si sono scontrate con l'eliminazione immediata nei playoff (1-2 per mano di Cholet): la allena Christian Monschau ed è la tipica squadra transalpina, molto atletica e dinamica, completatasi durante l'estate in un mercato che ne ha rivoluzionato i connotati. 
Nel weekend appena trascorso ha sconfitto agevolmente (85-56) l'Aisne St. Quentin, team dì seconda divisione, con 21 punti della guardia M'Baye, prelevato da Strasburgo, e 15 dei playmaker Buycks, che aveva finito la scorsa stagione in Belgio (Ostende) passando prima per la D-League statunitense con Tulsa. 
Luca Banchi

I più letti