NCAA preview: under the radar freshman

Qualche elemento poco pubblicizzato (under the radar) ma in grado di avere buon impatto a livello NCAA ed oltre...
Al di fuori della top 30 in questa classe di freshman ci sono alcuni giocatori sconosciuti ai più, tipo Otto Porter (Georgetown) la scorsa stagione, che con una buona annata diventeranno degli obiettivi per gli scout NBA:
Xavier Johnson e Josh Scott (Colorado): due top 100 tra le matricole senza dubbio, entrambi sono in grado di avere un buon impatto a Colorado, un programma che sta andando nella giusta direzione. 
Tutti e due entreranno nello starting five prima della fine della stagione, Johnson ha un gioco versatile sui due lati del campo ed un ottimo tiro da fuori che gli servirà quando accoppiato con Andre Roberson, mentre Scott ha fatto grandi miglioramenti nell'ultimo anno ed è almeno un buon titolare a livello Pac 12 che sicuramente giocherà da pro una volta uscito dal campus. 
Coach Tad Boyle quest'anno avrà maggiori aspettative per questo gruppo, soprattutto dopo il gran finale della scorsa stagione,e questi due freshman di certo lo aiuteranno a non deludere i fans .
Aaron Thomas e Montay Brandon (Florida State): dietro Snaer e Miller a Florida State non ritornano dall’anno scorso giocatori in grado di contribuire a buon livello. Brandon e Thomas avranno quindi minuti buoni fin da subito e sembrano fatti su misura per lo stile di Hamilton,ovvero difesa,difesa,difesa. Entrambi hanno buon fisico e atletismo, Thomas è il tiratore migliore, mentre Brandon è più versatile,in grado di difendere su tanti ruoli .Credo che sarà Brandon a giocare un po' di più questa stagione grazie alla sua difesa, mentre Thomas avrà un anno intero per imparare da Snaer prima di ottenere il suo posto in quintetto a partire dal prossimo anno. Nel lungo periodo i due freshman hanno molte zone del loro gioco da migliorare, ma con il duro lavoro che Hamilton chiederà loro entrambi potranno avere una bella carriera .
Nik Stauskas (MICHIGAN): non è molto pubblicizzato come gli altri membri della classe diretta nel Michigan, ma Stauskas sarà parte della rotazione da questa stagione, avendo un fisico solido per le posizioni di ala e una serie di abilità, soprattutto al tiro, in sintonia con lo stile di coach Beilein. Con la partenza di Douglass e Novak ci saranno molti minuti per Nik, che mostrerà il range illimitato del suo tiro ed una buona difesa . In generale ha di sicuro un gioco migliore di quanto pubblicizzato.
Ricardo Gathers (Baylor): coach Drew ha preso questa forza della natura dopo che si era separata da St.John. Gathers è pronto a giocare in quintetto da ogni punto di vista, è un mostro a rimbalzo e può giocare sia fronte che con le spalle a canestro. Di certo è il più pronto a giocare tra le matricole di Baylor e ci sarà un momento in cui Drew dovrà sceglierlo prima del più reclamizzato Austin per condividere la zona di attacco con Cory Jefferson (un altro che avrà un ottima stagione a Baylor).
D'Vauntes Smith-Rivera (Georgetown): questo prodotto dell’Indiana è una comboguard con buon fisico e una capacità di impostare il gioco davvero impressionante. Coach Thompson ha un buon record per trovare questo tipo di giocatori (Jason Clark,il Freeman visto lo scorso anno a Forli) e Smith-Rivera potrebbe avere un impatto simile a partire dal primo giorno. Sempre in controllo, non forza nessun tiro e si adatta molto bene in questo sistema. Se sarà in grado di migliorare il suo corpo, soprattutto dal punto di vista atletico, Smith-Rivera dovrebbe attrarre molti scout NBA alle sue partite. 

I più letti