Tutta la schiettezza di Caja: "Virtus squadra più esperta"

Attilio Caja

Attilio Caja

«Questa è una squadra giovane, portata a commettere degli errori. Abbiamo perso contro una Virtus molto più esperta di noi». 
Attilio Caja va subito al sodo, riconoscendo i meriti del proprio avversario.
Eppure eravate partiti bene. 
«L'impatto sulla gara è stato buono, avremmo dovuto e potuto chiudere il primo tempo con un vantaggio superiore». 
La squadra è piaciuta anche nelle letture. 
«Abbiamo costruito buone situazioni d'attacco, sbagliando tiri che non avremmo dovuto sbagliare. Difensivamente è stata una buona prova». 
Poi che è successo? 
«Non riuscendo più a difendere come sappiamo, abbiamo perso ritmo anche in attacco, sbagliando canestri facili. Ci siamo demoralizzati, li la partita è finita. La differenza è che loro sotto di 12 hanno continuato a giocare, noi no». 
Nel terzo quarto avete accettato il corri e tira di Bologna. Probabilmente questa Vanoli non è a proprio agio su questi ritmi. 
«Sicuramente, ma non è stata una scelta. La partita è andata in quel modo. Loro hanno fatto anche diversi canestri con l'uomo addosso». 
Cosa è realmente mancato alla sua squadra? 
«In difesa siamo andati bene, abbiamo concesso 74 punti ad una squadra con potenziale come Bologna. Certo che se non facciamo canestro, diventa tutto più difficile». 
Hasbrouck è stato spina nel fianco nel secondo tempo. 
«Lui e Minard direi, ma anche Imbrò ha segnato un canestro importante a fine terzo quarto. In generale Bologna si è dimostrata più pronta». 
Qualcosa da recriminare? 
«Abbiamo commesso degli errori. Non è una questione generale, ma tanti piccoli errori messi insieme poi ti condizionano. E' sui dettagli che dobbiamo migliorare». 
Attilio Caja

I più letti