Vanoli Cremona - SAIE 3 Bologna 63-74 (17-13, 33-27; 53-56)

La Virtus parte col piede giusto in campionato, e incassa subito una buona vittoria in trasferta a Cremona. Non è stata una partita facile, anzi nel primo tempo i bianconeri hanno faticato parecchio, finendo anche sotto di 12 lunghezze. La squadra però è cresciuta nel corso della partita, e ha preso le distanze nell’ultimo quarto, trascinata dai canestri di Kenny Hasbrouck, che ha piazzato 17 dei suoi 18 punti nel secondo tempo. Bene anche gli altri americani: 19 per Minard, continuo nel corso della partita, e 15+7 per Smith. Ottimo anche Poeta, già recuperato con 12 punti e 6 falli subiti. Se vogliamo trovare un pelo nell’uovo si può dire che la panchina ha dato poco, appena 5 punti, di cui 3 – pesanti – di Imbrò. Comune per oggi va benissimo così. 
Cremona ha fatto quello che poteva. Vitali ha fatto la sua partita (7 punti con 6 perse ma anche 6 assist e 5 rimbalzi), il problema sono stati gli altri. A parte Harris e Jackson (15), e qualcosa di Kotti, gli altri giocatori di Caja hanno marcato visita, soprattutto nel secondo tempo, complice anche l’ottima difesa bianconera. E nell’ultimo quarto Cremona ha proprio alzato bandiera bianca, lasciando campo libero ad Hasbrouck e Minard. 
Cronaca: polveri bagnate nel primo quarto, con tanti errori e palle perse di qua e di là: ben otto per la Virtus. Cremona si tiene a galla con Harris, le Vu Nere trovano qualcosa da Minard e Smith e parte davanti. Nel finale di tempo però la Vanoli piazza un 7-0, compresa una fortunosa tripla di Jackson sulla sirena, e chiude avanti 17-13. 
Cremona difende forte, anche con gravi mismatch (Porzingis su Gigli), e la Virtus va in tilt. Vitali parte benissimo, e il parziale diventa 15-0, per il 25-13. Finelli prova a mischiare le carte con la zona, e la mossa funziona. L’attacco Vanoli si inceppa, e le Vu Nere si riavvicinano con Minard e Smith. I padroni di casa comunque conservano un vantaggio significativo, e vanno al riposo avanti 33-27.
Dopo la pausa Hasbrouck mette subito due triple, e riporta a contatto i suoi. Cremona prova a rispondere con Kotti, ma ora in attacco fa davvero fatica. E’ ancora Hasbrouck a pareggiare, poi Finelli si prende tecnico protestando contro un fallo in attacco piuttosto strano fischiato a Smith in contropiede. La Virtus però ora risponde colpo su colpo, e arriva al soprasso con tripla di Imbrò nell’ultimo minuto del terzo quarto. Il punteggio viene ritoccato da un bel canestro di Poeta sulla sirena: 53-56 al 30’.
Ultimo quarto: per oltre tre minuti non si segna, poi la Virtus mette la freccia e si prende la partita. Kenny Hasbrouck è caldissimo, e fa volare i bianconeri. Nove punti in un atttimo, altri ne aggiunge Minard, e in un attimo la partita si decide. Cremona non ne ha più, e non segna per 7 minuti e mezzo. Quando Vitali mette un piazzato, si è già sul +20 per le Vu Nere (53-73). Dopo Cremona ci prova fino alla disperazione, ma è troppo tardi. Finale 63-74, gioiscono i Forever Boys giunti a Cremona, mercoledì si replica in anticipo con Milano.

VANOLI CREMONA - SAIE 3 BOLOGNA 63-74 (17-13, 33-27; 53-56)
CREMONA: Vitali 7; Porzingis 2; Kotti 10; Jackson 15; Belloni NE; Conti NE; Ruini 3; Johnson 6; Harris 15; Huff 3; Stipanovic 2; Cazzaniga 0. All. Caja
BOLOGNA: Gaddefors 0; Imbrò 3; Poeta 12; Moraschini 0; Rocca 2; Gigli 5; Minard 19; Vitali NE; Smith 15; Hasbrouck 18. All. Finelli.

I più letti