La chebolletta sconfigge la Sidigas

Torna immediatamente alla vittoria in campionato la chebolletta che sconfigge alla NGC Arena la Sidigas per 79 a 67 al termine di un match sempre al comando.
Inizio equilibrato con Cusin e Mazzarino bravi a rispondere a Mavraides per il 4 a 3 interno dopo due minuti nonostante l'infortunio di Smith. Avellino non ci sta, attacca con fluidità con Johnson e vola sull'8 a 4. 
La penetrazione di Markoishvili permette ai bianco-blu di avvicinarsi sull' 8 a 6 a metà del primo periodo. Cantù alza l'intensità in difesa, trova un otttimo contributo di Tyus e, con il contropiede di Tabu, prende il comando della gara sul 12 a 8 a tre minuti dal termine della prima frazione costringendo coach Valli a chiamare time- out. La chebolletta continua il break, grazie anche a 5 punti consecutivi di Leunen, e chiude il primo quarto in vantaggio per 19 a 10.
Il secondo periodo si apre con il canestro di Richardson a cui replica immediatamente Tyus con la schiacciata del 21 a 12. Sempre Tyus in affondata e Aradori concedono ai padroni di casa di allungare sul 25 a 14 a 8 minuti dall'intervallo. La Sidigas prova a reagire e con la bomba di Richardson e il rimbalzo in attacco di Biligha torna a – 6 (25 a 19). 
Shakur dalla lunetta risponde a Brooks fissando il punteggio, a metà della seconda frazione, sul 27 a 20 per Cantù. Mavroides segna in penetrazione, Aradori non sbaglia i liberi, prima dell'halley- op di Dragovic che vale il -5 ospite (29 a 24) a due minuti e mezzo dal termine del primo tempo. I campani aumentano il ritmo della gara e con due canestri di Dragovic arrivano fino al – 2 (30 a 28). E' la tripla di Leunen a ridare alla chebolletta cinque punti di vantaggio all'intervallo sul 33 a 28.
Il secondo tempo comincia bene per i bianco- blu che con Tyus e Tabu allungano sul + 9 (37 a 28) dopo due minuti. Avellino non ci sta e con Dragovic si avvicina sul – 6 (39 a 33) nonostante l'arresto e tiro di capitan Mazzarino. Shakur replica alla bomba di Leunen, prima della nuova conclusione dall'arco di Markoishvili che porta Cantù avanti 45 a 36 a metà del terzo quarto. La formazione di coah Trinchieri alza l'intensità in difesa e con i punti di Tyus, Mazzarino e Tabu scappa sul + 13 (51 a 38) a tre minuti dalla fine della frazione. La tripla di Leunen vale addirittura il +16 interno sul 54 a 38. La Sidigas prova a reagire con Biligha, ma la chebolletta, grazie ai liberi di Aradori e al tiro pesante di Mazzarino, continua a comandare per 61 a 44 al termine del terzo periodo.
L'ultimo quarto si apre con il contropiede di Aradori a cui replica Ebi per il – 17 esterno (63 a 46) a otto minuti dalla conclusione del match. Cantù sfrutta due falli tecnici fischiati ai campani per restare avanti di 17 punti (67 a 50) nonostante due centri consecutivi di Johnson. Richardson tenta di tenere viva Avellino con la bomba del – 16 (69 a 53) a metà dell'ultima frazione. Leunen con un'altra tripla e Tyus, con due grandi schiacciate, permettono ai padroni di casa di rimanere sul + 16 (76 a 60) a due minuti e mezzo dalla fine del match. Il divario sostanzialmente non cambia negli ultimi scampoli di match, in cui trovano spazio in campo anche Casella ed Abass, con la chebolletta che conquista il successo con il risultato di 79 a 67. 
CHEBOLLETTA CANTU' 79
SIDIGAS AVELLINO 67
(19- 10, 33- 28, 61- 44)
CHEBOLLETTA CANTU’: Awudu, Scekic 2, Smith, Markoishvili 8, Leunen 16, Mazzarino 12, Casella, Brooks 2, Tyus 17, Tabu 9, Aradori 10, Cusin 3. All. Trinchieri.
SIDIGAS AVELLINO: Warren ne, Ronconi ne, Biligha 4, Salafia ne, Richardson 14, Spinelli, Mavraides 13, Crow, Dragovic 11, Shakur 9, Johnson 10, Ebi 6. All. Valli.
Arbitri: Taurino, Quacci, Duranti.

I più letti