Alex Finelli, siamo sulla strada giusta

Alex Finelli

Alex Finelli

Alex Finelli, a Stadio, ha spiegato il momento attuale della Virtus, dopo gli appunti di Claudio Sabatini dopo la vittoria – non brillante, per l’AD bianconero – con Pesaro.

“Lui è stato molto preciso nel riconoscere l’atteggiamento positivo e il giusto impegno di tutta la squadra per giocare insieme. E ha anche segnalato la necessità di fare passi avanti da un punto di vista tecnico, e su questo siamo tutti d’accordo. Siamo una squadra che, come tutte, a dicembre è all’interno di un processo di crescita importante, per via dei margini di miglioramento dei giovani che la società sta lanciando: siamo un gruppo nuovo, Poeta e Gigli a parte, e siamo un gruppo serio che lavora con attenzione e consapevolezza che la strada è lunga ma la direzione è giusta. Abbiamo pagato qualche partita storta degli americani, ma nel corso di una stagione è normale che ci siano momenti positivi come negativi, quel che conta è saperlo ed esserne consapevoli. Stiamo poi cercando di trasmettere fiducia e responsabilità ad Imbrò, che gioca in un ruolo nevralgico come quello del regista: in questo caso è importantissimo lasciargli autonomia, e supportato nel modo giusto lui sa di poter fare le sue scelte durante il gioco. Poeta ha avuto problemi fisici a inizio stagione, ma sta migliorando e comunque il suo supporto come entusiasmo, energia e presenza mentale lo ha sempre dato. E speriamo domenica di avere Gigli, che si sta allenando con la squadra ed è sulla strada del recupero”

“I nostri obiettivi attuali? Precisamente, entrare nei playoff: tutto il resto è prematuro, in un campionato così equilibrato e dove ogni partita è un battaglia. Poi sarebbe bello riavere il derby, porterebbe nuove risorse economiche per favorire lo sviluppo del basket ad alto livello: questo è uno sport che coinvolge giovani e famiglie, come testimonia il nostro pubblico. E questo è un grande risultato sia per il movimento che per il lavoro che la Virtus sta facendo tra i giovani e nelle scuole per avvicinare nuovi appassionati”
Alex Finelli

I più letti