Enel, Bucchi è da record: "E non voglio fermarmi"

Piero Bucchi

Piero Bucchi

Contro Caserta la 300a vittoria del coach biancazzurro che punta verso l'alto.

Per le statistiche della Legabasket, battendo Caserta, coach Piero Bucchi ha ottenuto la vittoria numero 300 in serie A. Un traguardo importante, per uno degli allenatori più apprezzati e stimati dell'intero panorama cestistico nazionale. Un dato che però tiene conto soltanto delle stagioni che l'allenatore bolognese ha disputato in serie A, e le "vecchie" A/1 e A/2, che prima dell'avvento della Legadue, era considerata serie A. In sostanza, in questa classifica delle vittorie ottenute in carriera da Bucchi, mancano le 27 ottenute lo scorso anno in Lega Due, sempre a Brindisi, tra regular season e play off, così come quelle della stagione 2001/2002, quando ottenne un'altra promozione nella massima serie con Napoli (battendo in finale Reggio Emilia) e quelle di Rimini. Fatta eccezione quindi dei successi ottenuti in LegaDue, ad oggi l'allenatore dell'Enel Brindisi, battendo Caserta, ha quindi tagliato il traguardo delle 300 vittorie in attività, suddivise tra le 261 in Lega A e A/1 e le 39 in A/2. Un traguardo importante che ha raggiunto in 16 stagioni da head coach nella massima serie così suddivise: quattro a Rimini dal '95 al '99, due a Treviso (dove ha tagliato il traguardo delle prime 100 vittorie), tre a Roma dal '02 al '05, tre a Napoli dal '05 al "08 (dove ha tagliato il traguardo delle 200 vittorie), tre a Milano, prima di arrivare a Brindisi dopo l'esonero della stagione '10/'11. In totale 16 stagioni, considerata quella ancora in corso, durante le quali Bucchi ha collezionato 519 panchine (escluse sempre quelle in LegaDue), con una percentuale di vittorie del 58 per cento così suddivise: 56.4 per cento tra serie A A/1 e il 69.6 in A/2. Nel massimo campionato, inoltre, il coach bolognese ha vinto 221 (su 384) in regular season e 40 (su 79) nei play off (ben tre le finali scudetto disputate, una con Treviso e due con Milano). In A/2, invece, Bucchi, ha vinto 28 partite (su 40) in regular season e 11 (su 16) nei play off. Il prossimo traguardo, per l'allenatore dell'Enel Brindisi, non sarà quello delle 400 vittorie, ma uno ben più immediato, ovvero regalare la salvezza al popolo biancazzurro. Infatti dopo 11 partite di campionato, al suo terzo anno in serie A, l'Enel Brindisi non è mai riuscita a partecipare al massimo campionato per due stagioni consecutive. Al momento, i risultati raggiunti dalla squadra, dicono che questa stagione dovrebbe e potrebbe essere la volta buona. Con otto punti di vantaggio sull'ultima in classifica, la Scavolini Pesaro che lunedì sera, sebbene di misura, contro Milano in casa ha rimediato l'ottavo stop di fila. Senza considerare che, quando mancano quattro partite al termine del girone di andata, coach Bucchi e la sua truppa sono ancora in corsa per la qualificazione alla Final Eight di Coppa Italia. Altro risultato storico per la Brindisi cestistica, che arriverebbe ad un solo anno di distanza dalla vittoria dello scorso anno della Coppa Italia di Lega Due, successo che ha fatto il paio con la vittoria del campionato. «Sicuramente è un traguardo che in un certo senso mi riempie di orgoglio, ma al tempo stesso mi offre gli stimoli giusti per inseguire nuovi traguardi», ha dichiarato lo stesso coach Bucchi. «Mi riempie d'orgoglio semplicemente perché significa che il lavoro svolto in settimana in palestra, se fatto in modo serio, alla fine paga sul campo. Non sempre ci si riesce, però nelle diverse fasi della mia carriera e in tutte le squadre che ho allenato, ho sempre avuto a che fare con seri professionisti che non hanno mai lesinato energie. Senza considerare che, il fatto stesso che sia ancora in pista, significa che alla fine qualcosa di buono l'avrò pure costruita nella mia carriera. Ora però non voglio fermarmi, perché ho un altro traguardo, ancora più ambizioso, da conquistare con la mia Enel Brindisi». E intanto dopo la fatica di domenica scorsa contro la Juve Caserta, l'Enel Brindisi si ritroverà in palestra oggi pomeriggio per riprendere gli allenamenti. Un giorno in più di riposo, sicuramente meritato, ma dettato anche dalla sosta di domenica prossima. Infatti, a Biella, è in programma l'Ali Star Game, ovvero la partita che vedrà di fronte le stelle del massimo campionato e la nazionale italiana. Per l'Enel Brindisi parteciperanno Jonathan Gibson e Antywane Robinson, entrambi inseriti di diritto nel quintetto ideale votato dal pubblico. Dopo la partita delle stelle, Brindisi il prossimo 23 dicembre sarà di scena proprio a Biel- la. Un'altra sfida importante, contro una delle formazioni in lotta per non retrocedere. Il 30, ultima partita dell'anno, a Brindisi arriverà la Roma, il 6 gennaio, giorno dell'Epifania, capitan Ndoja e compagni saranno di scena a Bologna, prima del big match con Milano del 13 gennaio. Due punti pesanti che potrebbero valere la qualificazione alla Final Eight.

Piero Bucchi

I più letti