Il libro di Alberto Mattioli sulla Nazionale

Ad Alberto Mattioli viene attribuita la frase (originariamente in dialetto) «Ci sono tre persone in Italia che capiscono di pallacanestro. Uno sono io, gli altri due devo ancora incontrarli».

Non è in quella battuta la natura del titolo che il responsabile del Settore Squadre Nazionali maschili dal 1996 al 2008 ha dato al libro appena edito dalla Fip, ché anzi rappresenta una severa autocritica per non aver centrato in quel periodo che due sole qualificazioni a Olimpiadi e Mondiali anziché tre. E, dunque, i conti non sono proprio tornati tutti e 12:4 fa 2

Il libro parte con una Nazionale che non va ai Giochi dal 1984 e propone il tabellino di tutte le partite azzurre giocate “da” e “con” Mattioli dall’amichevole per l’addio a Brunamonti del 17 settembre 1996 all’inutile vittoria a Torino contro la Bulgaria del 17 settembre 2008. Un diario, con tutti i tabellini e il ricordo delle impressioni della vigilia e del post gara di Alberto Mattioli. 

Dovendo scegliere un episodio e sapendo cosa avrebbe ricordato Mattioli, ecco la vigilia di Italia-Francia a Stoccolma, Europei del 2003: «Nel pomeriggio durante le ultime terapie dello staff medico faccio due passi nel centro commerciale per smaltire la tensione e trovo nelle mie stesse condizioni nervose il direttore di Superbasket Franco Montorro con il quale mi siedo a bere un caffè nel bar del piano terra con sedie e tavolini di vimini. Riusciamo a parlare del Treviglio e dell’Ozzano, delle finali juniorese e delle formule dei campionati nazionali che stanno per cominciare, delle belle donne che passano e del centro città, ma non ci scappa una sola parola sull’imminente incontro con i Francesi che vale la medaglia di bronzo e l’Olimpiade. O siamo dei fenomeni o siamo dei dementi».

Alberto è sicuramente un fenomeno e questo diario racconta benissimo dodici anni di sforzi, passioni, emozioni. Fortunato io per primo ad averli condivisi perché - grazie anche ad Alberto - sono professionalmente e umanamente straordinari.


Franco Montorro
Direttore BasketNet

I più letti