Sutor, è stata un'occasione persa

Carlo Recalcati

Carlo Recalcati

Contro Roma a un soffio dall'impresa. Recalcati squalificato, multa di 3.000 euro.

Povero Charlie: non bastavano la rabbia per una sconfitta amara, quella di domenica con l'Acea, e gli incubi evocati dalla zona romana, dai muscoli di Gani Lawal, dalle fughe in avanti di Phil Goss, dai tiri da manuale del basket di Luigi Datome, dalla concretezza di Peter Lorant e da una serata che aveva visto i suoi uomini anche a +16, un vantaggio poi lasciato per strada e dopo un supplementare perdendo un'occasione davvero grande di fare un bel passo in avanti in funzione della salvezza. Al danno si è aggiunta anche la beffa: la commissione disciplinare della Fip non ha trovato di meglio che punire Recalcati con un turno di squalifica (commutata in 3000 euro di sanzione) per "comportamento irriguardoso e intimidatorio, a fine gara, nei confronti degli arbitri". Stupefacente. Da dire che un colloquio tra le parti era già iniziato nel percorso che unisce il parquet del pa-laRossini al tunnel che porta agli spogliatoi, ma ai più è sembrato un faccia a faccia tranquillo e civile. Difficile sapere cosa sia successo di così grave nei momenti Ronald Steele, pivot della Sutor Montegranaro successivi trail coach della Sutor e la triade arbitrale, di certo il provvedimento giunto nel pomeriggio diieri non è nient'altro che il suggello alle difficoltà che il tecnico milanese ha trovato nel relazionarsi con la classe arbitrale. È lecito porsi un interrogativo: è mai possibile che un allenatore (e un uomo) mite come Carlo Recalcati si ritrovi costretto a fare i conti con tutti questi falli tecnici? Innegabile che alcune volte l'ex commissario tecnico della nazionale azzurra l'attenzione degli arbitri se la sia cercata, però stavolta siamo proprio arrivati al limite. Già nel dopo partita di domenica, dalla pressroom era arrivato lo stupore per la sanzione decisa dagli arbitri ("Ho solo detto no, mi piacerebbe che una volta tanto gli arbitri spiegassero i loro fischi", aveva commentato l'allenatore gialloblù), ora rimane solo lo sconforto per una situazione che sta per diventare paradossale. Un nuovo problema? Forse sì, ma mai quanto l'attuale situazione in classifica con la quale deve relazionarsi la Sutor. La Scavolini Banca Marche è salita a quota 6, il blitz al PalaDelMauro di Avellino operato dai cugini pesa non poco anche perché, domenica prossima, al palaRossini scenderanno proprio i lupi irpini. Inutile aggiungere che perdere contro Spinelli e compagni sarebbe come minimo deleterio e renderebbe la corsa verso la salvezza ancora più complicata. Con buona pace di chi crede che tenere un panchina un allenatore dal nome pesante come quello di Carlo Recalcati sia garanzia di tutela arbitrale. Appunto, beato chi ci crede, peccato, però, che la realtà dei fatti se ne stia tutta da un'altra parte. In ogni caso, visto che quello di domnenica è poco meno che uno spareggio salvezza, fin da oggi dunque suoni accorato, se non imperioso, l'appello ai tifosi di Montegranaro, di Ancona e di ogni altra località, affinchè domenica prossima affollino nei limiti del possibile le tribune dell'impianto di Passo Varano.
Carlo Recalcati

I più letti