I Numeri Primi di Legadue

1 vittoria per Andrea Pecchia, vice di Stefano Cioppi fino a metà settimana, appena prese le redini di Jesi. Contro Verona reazione d'orgoglio della squadra, si è detto e scritto, banale ma innegabile. Chissà, per la Fileni (che peraltro veniva da tre sconfitte in fila, non trenta...) è il segno della svolta. Ma un velo di tristezza resta: chissà perché immaginavamo che allo Jesi College uno come Cioppi potesse aprire un lungo ciclo. Illusione.


2 in tutto le partite di basket finora giocate nel nuovo palasport di Vigevano da quando è stato inaugurato, tre anni fa: gara3 e gara4 della serie di playoff con Reggio Emilia del 2010. Poche settimane dopo il crack dello storico club gialloblu, poi il vuoto totale. Vigevano resta una grande piazza di basket e portarci l'All Star Game di Legadue, domenica prossima, è una buona idea. L'amarezza per come sia stata sprecata tanta genuina passione (e tanto denaro pubblico...) però riemerge prepotente.


4 vittorie nel 2013 per Brescia, l'unica squadra ancora imbattuta nell'anno nuovo. Trieste era senza americani, ma il momento della Leonessa, addirittura a una sola vittoria dalla vetta, è notevolissimo. Lo dimostra il fatto che all'All Star Game di Vigevano manda ben quattro giocatori: Brkic, Fernandez, Jenkins, Giddens.


5 le squadre di Legadue in cui Roberto Rullo ha già messo piede: Imola, Casalpusterlengo, Veroli, all'inizio di quest'anno Capo d'Orlando ed ora Pistoia. Aggiungiamocene un paio di serie A (Treviso, Teramo) e siamo a sette maglie pro diverse, otto con l'alma mater Virtus Siena. Un po' tante per un classe '90. Di innegabile talento, certo, ma anche sempre frenato da tutta una serie di difficoltà tecniche e caratteriali. A Pistoia ha iniziato bene, e se c'è uno che può finalmente portarlo ad esprimere il suo talento quello è Moretti. Ma è ora di dimostrare qualcosa.


15 metri circa, la distanza da cui Donte Mathis ha infilato una tripla disperata in chiusura del terzo quarto di Capo d'Orlando-Bologna. Ricevendo una rimessa con pochi decimi rimasti da giocare. In una partita in cui è successo di tutto, con l'Upea che è risalita da un baratro e si è vista tante volte la morte in faccia, forse è stato quello l'episodio-chiave di una serata da pazzi. Perfetta per Pozzecco, che sarà anche il “peggior allenatore del mondo” come si autodefinisce lui stesso, ma i suoi giocatori li sa caricare. Eccome.


20 punti avanti nel secondo quarto la Biancoblu a Capo d'Orlando, poi riacciuffata, andata di nuovo in fuga, ripresa ancora, fino al tiro-partita sulla sirena fallito da Cournooh. E' successo di tutto nell'anticipo del venerdì - finalmente una bella partita da mostrare in tv! - e in fin dei conti perdere così a casa del Pozz può anche starci, quando si è così corti. Salieri ormai l'ha detto in tutte le lingue, questa squadra avrebbe bisogno di rinforzi. Ma non arriva nessuno...


21 punti con 10/12 da due, 11 rimbalzi, 3 stoppate e 3 assist, il tabellino di Davide Pascolo nella vittoria di Trento su Scafati è da americano di prima fascia, non più da giovane promessa preso in estate come cambio dei lunghi. I veterani Garri e Dordei dovranno farsene una ragione, d'ora in poi nelle gerarchie dovrà venire prima questo ragazzo udinese classe '90, che già da un paio di mesi si stava facendo notare, ma che ora pare pronto per l'esplosione definitiva.


22+18 punti e rimbalzi per Povilas Butkevicius, miglior partita della stagione per il muscolare lituano di Casale Monferrato. Subito dopo la disastrosa sconfitta di Bologna, dove il buon Povilas aveva sì preso il solito grappolo di rimbalzi (sfiora i 10 di media) ma anche combinato una terribile serie di pasticci (6 perse), compreso un imbarazzante passi dopo aver ricevuto palla in area in totale solitudine. Redenzione immediata e primo posto in classifica che tiene.


Enrico Schiavina

I più letti