Juve tra salvezza e scomparsa

I bianconeri domenica sfidano la Sutor ma tengono banco i problemi societari.
Sono sempre le notizie extracestistiche quelle che tengono banco all'ombra della Reggia, con l'importante impegno di Ancona con Montegranaro che sta pericolosamente passando in secondo piano. In gioco c'è il futuro della Juve, ma al tempo stesso c'è' sempre anche una salvezza sul campo da dover ancora conquistare. La Triade intanto in questi giorni ha necessariamente infittito i propri incontri, al fine di procedere ad una ricapitalizzazione ancora ad oggi per nulla scontata. Il presidente Gervasio nei giorni scorsi aveva annunciato che i soci si sarebbero fatti carico di quest'ulteriore impegno, ma non ci sono ancora certezze in tal senso. Ieri mattina Caputo e Iavazzi si sono incontrati per delineare le strategie dei prossimi giorni, anche perché la scadenza di venerdì prossimo per la ricapitalizzazione oltre ad essere la più imminente e' anche la più importante in termini di soldi da impegnare. Per la verità gli ultimissimi segnali non sono del tutto negativi, ma l'impressione è che ci si potrebbe trovare dinanzi all'ennesima soluzione tampone che non farà altro che rimandare di qualche settimana il problema. Per finire la stagione senza ulteriori problemi e per garantire un futuro alla Juve è necessario l'arrivo di uno sponsor importante ed in tal senso i contatti creati da alcuni politici proseguono ma, anche per evitare strane intuizioni pre-elettorali, fino a marzo nulla dovrebbe accadere. I tifosi dal canto loro non possono far altro che attendere, spazientiti però da quest'ennesimo allarme arrivato solo dopo poche settimane dalle dichiarazioni distensive per le sponsorizzazioni della Gimam e della Cofiba. Certamente poi le voci relative ad una "fuga" di Akindele negli Stati Uniti non hanno rasserenato l'ambiente che Ieri si è svegliato con un simil-scoop rivelatosi poi solo un allarme ingiustificato. Il pivot è giunto solo ieri in Italia con 48ore circa di ritardo rispetto ai compagni, ma come la società ha comunicato tutto era stato precedentemente approvato dalla proprietà. Coach Sacripanti infine ha iniziato a preparare il match di Ancona e da stamane avrà ai suoi ordini anche il ritardatario Akindele. Nelle Marche andrà in scena una sfida tra due club in difficoltà economica, anche se al momento i giocatori bianconeri non hanno ancora mai manifestato disagi come i colleghi sutorini che si sono rifiutati di allenarsi e scendere in campo per un'amichevole. Mordente e soci dovranno perciò continuare ad isolarsi da ciò che si dice, si legge e si scrive ed allenarsi come hanno sempre fatto e stanno facendo, anche perché questa Juve e' una squadra che può ottenere risultati solo se è al massimo della condizione fìsica e mentale. Vedremo come andranno le cose per la formazione di Terra di Lavoro che punta alla salvezza Intanto, passando ad un'altra squadra serio rischio la presenza di Gigi Datome per la sfida di domenica contro l'Olimpia Milano. Il capitano della Virtus si è infortunato nel corso della semifinale della Final Eight contro Varese. Gli esami hanno riscontrato il formarsi di un edema ed il giocatore dovrà rimanere fermo fino al riassorbimento dello stesso.

I più letti