La Sutor cede a Cremona 89-87

Una Sutor molto combattiva e volenterosa esce da Cremona con una sconfitta in volata 89-87; una beffa che lascia tanta amarezza e rabbia alla squadra di Recalcati che si è comportata benissimo per tutto l’incontro e certo non ha demeritato, nonostante le assenze di Steele e Mazzola e la precarie condizioni fisiche che hanno quasi annullato l’apporto di Slay. I gialloblù ci hanno messo tutto ciò che avevano, ma non è bastato per battere Cremona, brava sì, ma anche fortunata negli episodi che hanno deciso la gara nel finale.
La partita è stata equilibrata sin dalle prime battute, la Sutor però ha avuto sempre in mano il ritmo della gara, guidata dagli ottimi Burns e Cinciarini, e da un Di Bella spaziale in una serata in cui doveva essere leader e tale è stato (20 punti con 8 assist). La squadra di casa, nonostante il dominio di Stipanovic sotto le plance e l’ispirazione di Harris e dell’ex Vitali, si è trovata quasi sempre ad inseguire, sebbene il massimo vantaggio gialloblù sia stato di soli 8 punti (al 16’).
La gara si è decisa nell’emozionante finale, conla Vanoli che sembrava prendere il sopravvento ad un paio di minuti dal termine (83-79) ela Sutor che non mollava, anzi rilanciava, con le triple di Amoroso e di Di Bella. Vitali segnava il nuovo sorpasso (86-85), poi la persa di Amoroso, e ancora l’errore di Vitali. Ma la sorte faceva sì che il pallone del play ex gialloblù si incastrasse sul ferro, e che la freccia del possesso alternato premiasse ancora Cremona, con 4 secondi per concludere l’azione. Jackson faceva canestro e +3, Cinciarini metteva due liberi a 5 secondi dalla fine, Harris in lunetta metteva il primo, sbagliava il secondo, ma a rimbalzo se ne andavano gli ultimi istanti di gara, e Johnson, costretto a provarci dalla sua area, non trovava il successo sperato.
E’ finita 89-87, non è bastata alla Sutor una prestazione che, viste le assenze, cui si è aggiunto un viaggio travagliato per la neve, difficilmente ci si poteva aspettare migliore. Alla fine sono pesati gli episodi, che hanno premiato i padroni di casa. La Sutor è viva, ma torna con grande rammarico perché forse avrebbe meritato qualcosa in più, come i tifosi, eroici, che da Montegranaro hanno sfidato le intemperie per esserci e che hanno ricevuto dalla squadra comunque un’ottima risposta.

Questi i tabellini della gara:
Vanoli Cremona - Sutor Montegranaro 89-87 (21-27, 45-49, 66-64)
Cremona: A. Johnson 3, Jackson 13, Harris 20, Huff 8, Stipanovic 16; Chase 11, Vitali 16, Kotti 2, Speronello ne, Belloni ne, Conti ne, Cazzaniga ne. All.: Gresta
Montegranaro: Cinciarini 22, Campani 4, Di Bella 20, K. Johnson 11, Burns 19; Panzini, Perini, Slay, Freimanis, Amoroso 11. All. Recalcati.
Arbitri: Mattioli, Vicino, Baldini

Questo il commento di Recalcati al termine: 
“Sconfitti ma soddisfatti per una partita molto buona, eccetto alcuni palloni persi risultati decisivi. Risposta dei miei giocatori che si sono compattati da grande squadra per portare a termine un lavoro iniziato la scorsa estate con l’obiettivo della salvezza che vogliamo conseguire. Ringrazio anche i nostri sostenitori che hanno affrontato un viaggio impegnativo. La società mi ha comunicato che Steele non sarebbe stato a disposizione per la partita; una situazione che ha motivato Di Bella e gli altri che hanno risposto al meglio. Abbiamo dovuto rinunciare ancora al miglior Slay. Poi c’è anche l’avversario, che ha giocato per lo stesso obiettivo salvezza. Ha vinto Cremona, avremmo potuto vincere noi”. 

I più letti