Tambone: "La Virtus è una Big. Obiettivo quarto posto"

Il baby Tambone: momento magico Roma mi ha lanciato in Nazionale.

Tornata al successo nell'ultimo turno di campionato in trasferta contro la Juve Caserta l'Acea Roma ora non vuole certo fermarsi. Domenica prossima alle 18,15 al Pa-lazzetto dello Sport di Viale Tiziano arriverà la Vano-li Cremona impegnata nella lotta per la salvezza e l'occasione è ghiotta per provare a consolidare la propria posizione (quarti a quota 26 punti affiancati a Cantù) in vista della volata playoff. Il tecnico della Virtus, Marco Calvani, ad ec- cezione di Dagunduro, ma con Aden che esordirà di fronte al pubblico amico. L'arrivo del somalo di scuola americana ha ristretto un pò gli spazi per Matteo TAMBONE, gioiellino del vivaio che lunedì e martedì scorso ha preso parte al raduno della Nazionale Under 20. «E' stata una gioia immensa - dice il playmaker classe 1994 - perché è il sogno di ogni giocatore che si affaccia nel mondo della pallacanestro. Ma so bene di dover lavorare ancora molto per diventare un giocatore vero e completo. E' stata comunque una bella soddisfazione e un orgoglio arrivare a vestire la maglia azzurra anche se si è tratta soltanto di un raduno di due giorni». Per Tambone un esordio azzurro con tanta emozione. «E' normale provarla quando si indossa la maglia azzurra. Allenarmi e giocare con la serie A della Virtus mi ha aiutato ad affrontare questa nuova situazione. Voglio dedicare la convocazione a mio padre perché so quanti sacrifici sta facendo per me in questo periodo particolare che sto vivendo».

I più letti