Markovski: "Niente da fare, loro più forti"

Dopo la partita il coach della Scavolini si concede ai taccuini senza grandi recriminazioni.

"Non c'è molto da dire su questa partita - attacca il macedone -Milano ha dominato totalmente su entrambi i lati del campo. Abbiamo provato a restare in partita con qualche buona iniziativa soprattutto in attacco poi quando sono calate le nostre percentuali l'EA7 ha preso il comando ed ha controllato agevolmente la gara. Bourousis ha attaccato Brian mettendoci sempre in difficoltà e controllando l'area colorata. Questo ha agevolato la loro spinta offensiva, che sostanzialmente da dopo la metà del primo quarto non è mai arrestata, senza rimedi tecnici e fisici da parte nostra". "Tatticamente è stato da quel momento troppo facile per loro - ha aggiunto il tecnico pesarese - e Milano ha dimostrato ancora una volta tutta la forza e la profondità di una squadra di grande talento. Siamo stati troppo leggeri sotto canestro ma non solo, non siamo mai riusciti a rispondere con forza ed intensità ad ogni loro tentativo di fuga, ed ovviamente quando le conclusioni perimetrali sono uscite questo ha ci ha condizionato negativamente ancora di più. Le nostre soluzioni sono state rappresentate da una difesa allungata, brani di zone press e di zona ma nessuna di queste armi ha mai funzionato in modo efficace".

I più letti