Miller time, Denver piega i Warriors

Ventiquattresima vittoria casalinga consecutiva per i Denver Nuggets, che esordiscono nel playoff battendo 97-95 i Golden State Warriors.
Partita come prevedibile a ritmo forsennato, con Denver che trova in Andre Miller l'uomo partita con 28 punti in 27 minuti e tutti i canestri cruciali nel quarto periodo compreso quello della vittoria a 1"4 dalla sirena.
I Warriors, pur avendo uno Stephen Curry (19 e 9 assist con 7/20) non nella sua miglior serata realizzativa, non muoiono mai e arrivano a giocarsela nell'ultimo minuto con Klay Thompson che sbaglia il lay-up del sorpasso a 45" dal termine.
Grazie allo stesso Thompson (22), gli ospiti erano stati anche a +9 nel primo tempo, ma nella ripresa i Nuggets hanno stretto le maglie in difesa e hanno alzato ancora il ritmo tornando in vantaggio con una scarica di Corey Brewer (10) e poi affidandosi a Miller.
Entrati nell'ultimo minuto in vantaggio di un punto, Ty Lawson (12) fa una grande giocata rubando palla a Curry e volando in contropiede per il +3 a -35", ma Curry si rifà immediatamente con la tripla del pareggio a 14" dalla sirena. L'ultima palla è però per il trentasettenne Miller che in uno contro uno regala l'1-0 a Denver.

I più letti