Sutor. Vanoncini, daremo il massimo per vincere l'ultima gara davanti al nostro pubblico

Stefano Vanoncini

Stefano Vanoncini

Nella conferenza stampa del venerdì, stavolta è il vice-allenatore Stefano Vanoncini a parlare per presentare la sfida che domenica (ore 20) vedrà la Sutor impegnata al PalaSavelli con Siena. Queste le sue parole sulla gara: 
“Ci avviciniamo all‘ultima partita casalinga” esordisce, “con una gran voglia di lasciare un buon ricordo. I ragazzi sono stati piacevolmente investiti dall’entusiasmo del PalaSavelli domenica scorsa, è rimasto certamente l’amaro in bocca per non aver vinto, ma lo spettacolo credo sia stato divertente e piacevole. Abbiamo tutta la volontà di lasciare il pubblico con una vittoria, l’unico ostacolo”, sorride, “è che giochiamo con una delle squadre più forti in Italia. Siena si sta preparando con grande puntigliosità per essere al meglio ai playoff, sta provando un nuovo assetto, ha appena inserito un americano e dovrà stravolgere il roster per rispettare le regole sul numero di stranieri. Stanno valutando, possono scegliere se escludere un americano, o addirittura tre comunitari, accorciando di conseguenza le rotazioni. In ogni caso le loro ultime prestazioni dicono che stanno lavorando duramente per arrivare al meglio ai playoff. La squadra di Banchi fa del contropiede il suo punto di forza, noi dobbiamo fare attenzione sotto quest’aspetto: se fossimo in grande condizione, sarebbe un bel guanto di sfida da raccogliere, ma viste le caratteristiche della squadra rischiamo di esporci molto come domenica scorsa si è visto. Non vogliamo snaturarci ma avere un minimo di controllo sulla partita e selezionare momenti in cui spingere e altri in cui gestire: giocando sempre e solo in campo aperto rischiamo di fare una corrida”.
Siena corre verso la posizione migliore in vista dei playoff, sarà una motivazione in più per cercare i due punti. Ma non solo, sottolinea Vanoncini:
“Una squadra come Siena a questo punto non vuole vincere per guadagnare posizioni, ma lo vuole per migliorare fisicamente, e prepararsi mentalmente. La posizione in griglia conta relativamente, loro hanno esperienza e fare calcoli è abbastanza inutile. Ci sono tante partite ai playoff, fisicamente saranno durissimi: quest’anno già dai quarti saranno 7 partite, giocate ogni due giorni, conteranno più di tutto la condizione e la capacità di resettarsi mentalmente dopo ogni gara. Poi arrivare davanti conta meno, la storia dei playoff insegna che bisogna vincere fuori casa, anche chi ha il fattore campo a favore”.
Capitolo Sutor. Vanoncini fa una panoramica sulla situazione della squadra: 
“I ragazzi stanno bene fisicamente, ci siamo allenati bene in settimana, conservando un po’ come sempre Slay e Di Bella, che stanno facendo i soliti sacrifici. Il problema però c’è e riguarda Burns: domenica si è immolato, prima ha avuto dei guai muscolari poi gli si è anche girata la caviglia durante la partita. Non si è allenato, con lui stiamo navigando a vista, non sappiamo ancora se sarà disponibile”. 
Infine, coach Vanoncini apre una parentesi dedicata alla stagione del ritorno a Montegranaro, vissuta da vice di Recalcati: 
“E’ stata un’annata per me esaltante. Sono molto legato alla Sutor e al territorio, perciò sentire di aver fatto parte di un progetto e aver dato una mano in un momento societario difficile, è una soddisfazione. Per uno che fa questo lavoro poi, assistere Recalcati è un sogno che per me è diventato realtà. Ha avuto fiducia nei suoi assistenti, ci ha fatto lavorare molto negli allenamenti; per come lo conoscevo, sapevo che lui è abituato a gestire molto le risorse umane, capisce con chi ha a che fare, durante l’anno sviluppa la conoscenza, per poi far mettere un mattone a ognuno. E’ uno dei pilastri di un capo allenatore, saper allocare le sue risorse, e già scegliere chi deve fare cosa è un modo di allenare. La fortuna”, continua Vanoncini, “è che su molto cose ci siamo intesi con uno sguardo: un po’ deriva dalla sua esperienza, un po’ dal fatto che da molto sono assistente, e una delle cose su cui ho lavorato, è cercare di essere flessibili a seconda delle persone con cui interagisco e mettermi sempre a disposizione”. 
Stefano Vanoncini

I più letti